E fuori nevica. L'Italia va in tilt ogni volta
La tangenziale di Napoli in tilt. Un esempio dell’effetto, sulle nostre infrastrutture, di qualche centimetro di neve (foto dal Corriere del Mezzogiorno)

L’Italia che nevica ha ministeri deserti, scuole chiuse, trasporti bloccati.
Resta incredula, nel vedere la neve (in pieno inverno).
Come fossimo ai Caraibi, invece siamo pieni di montagne, dall’Emilia alla Calabria.

È un’Italia che va in tilt, ogni volta, per pochi centimetri di neve.
Immutabile a se stessa. Alla ricerca perenne di una scusa pronta, un modo per svicolare.

C’è da sorridere? Non farlo.
Perché tuo padre, anche se ha un infarto oggi che nevica, deve arrivare all’ospedale in tempo per salvarsi.
Ecco la differenza tra 5 centimetri di neve in un paese civile o nel Belpaese del chemmefrega.

Fino a qui le parole di questo articolo sono 99.
La centesima è: nevicadottò


#100parole raccoglie brevi riflessioni sulla nostra società, che non vanno mai al di là delle cento parole di lunghezza, tenendo sempre un occhio di riguardo ai meccanismi della comunicazione. Sono articoli che, prendendo ispirazione da argomenti in evidenza, vogliono fornire qualche spunto di riflessione e di confronto. O, almeno, ci provano. L'impegno è di non barattare mai la rapidità del leggere con la banalità dello scrivere.
E fuori nevica. L’Italia va in tilt ogni volta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: