Soffermiamoci su alcuni aspetti della comunicazione ai tempi del Coronavirus. In questo video riflettori puntati sui social media.
Erano già onnipresenti prima, ora sono tra i protagonisti assoluti della vita delle persone.

Dal punto di vista comunicativo stanno avendo una parte
determinante nel modo in cui la gente, rinchiusa in casa in quarantena, vive la pandemia e viene informata (e ogni tanto disinformata) sugli
sviluppi del contagio.

La domanda cui rispondere è: senza i social avremmo vissuto l’epidemia meglio o peggio?

Nb: la bandiera che vedi sullo sfondo è un piccolo segnale di unità e di incoraggiamento. Rivolto a chi è in trincea negli ospedali, nelle case di riposo, nelle filiere indispensabili a far funzionare il Paese, e poi a me, a te, a tutti noi. Perché ognuno è protagonista di un pezzetto di questa battaglia quotidiana, ed ha una responsabilità. Quella di non arrendersi e di fare la cosa giusta. Ogni giorno. Senza cedere alla paura, allo sconforto, al menefreghismo, al complottismo, alla maledetta furbizia che soffoca la nostra nazione.
Questo è di sicuro un momento storico. Forse non lo vivrai da protagonista, per gli altri. Ma puoi viverlo con rettitudine e dignità, per te stesso.

#coronavirus
#iorestoacasa
#andratuttobene

Mauro Tosetto

Mauro Tosetto

Sono un giornalista, mi occupo di comunicazione e di uffici stampa.


Il comunicato stampa è alla base della strategia informativa di chi vuole fare politica, ma non solo. Se vuoi migliorare la tua comunicazione, devi scrivere dei testi efficaci ed evitare gli sbagli più comuni e fastidiosi. Questa guida di 92 pagine ti aiuterà a farlo. Clicca sui pulsanti qui sotto per averla da Amazon. Scegli tra la versione Ebook o il libro con copertina flessibile.

Coronavirus e comunicazione: i social sono protagonisti positivi o negativi?
Tag:     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: